Opportunità

Avevo voglia di scrivere di crisi. Ma mi è passata subito.

Sicuramente la sapete già tutti, quella storia di come si scrive in cinese “crisi”: con due ideogrammi. Il primo significa “pericolo”, l’altro “opportunità”.

È la stessa morale di quella frase di Einstein, no? Quella che dice così:

La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla  notte oscura. È nella crisi che sorgono l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi  supera sé stessosenza essere ‘superato’.

Ed infatti, di solito, chi cita smodatamente l’una poi mette su Facebook le immagini con queste parole scritte sopra in bel font. Persone che, evidentemente, non condividono le mie idee a proposito di crescita, sviluppo, progresso e quant’altro. Ma che sono la maggioranza. Purtroppo.

Opportunità. Già. Ma opportunità di fare cosa? Più questa crisi si prolunga, più io mi convinco che c’era tanta gente nascosta nell’ombra che aspettava spasmodicamente che una crisi gli scoppiasse per le mani, per uscire in palcoscenico, a dare uno spettacolo imbarazzante, e poi a chinarsi a ricevere l’applauso incontenibile del pubblico.

Fuori dalla metafora: ve lo ricordate Fassina che dice che l’evasione è anche di sopravvivenza, sì? No? Be’, ve lo ricordo io. Applausi a scena aperta. Ma, bisogna riconoscerlo, anche qualche mugugno (o forse sarebbe meglio dire qualche conato?)

Questo solo perché Fassina aveva detto proprio così, “evasione di sopravvivenza”, e non, piuttosto, “survival fraud”. Che in quel caso tutti si sarebbero genuflessi, e gli avrebbero offerto un ministero. E Renzi non avrebbe potuto nemmeno dire “Fassina chi?”.

Perché questa è un’altra cosa che abbiamo imparato dalla crisi: perché la gente ricorre tanto al technobabble… scusate, alla supercazzola in inglese. Perché non si commenta. Perché non si può commentare. Differenziale tra titoli italiani e tedesci. Mmm, mi sta venendo un dubbio… Spread! Oddio, vi supplico, chiamatemi un messia.

Diciamo brunch, e tutti a sudare per l’eccitazione. Se lo avessimo chiamato pranzazione, forse, gli avremmo riservato le pernacchie che si meritava, e ce lo saremmo dimenticato da tempo.

Advertisements

3 thoughts on “Opportunità

  1. un giorno ho scoperto da un linguista che la faccenda dell’ideogramma e’ una grande fuffa, o quantomeno usata un po’ a sproposito (se cerchi su internet, trovi abbastanza facilmente). ci rimasi male, la usavo come esempio per alcuni esercizi teatrali.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s