2014: A year in review (Maggio)

Ben venga Maggio e il gonfalone amico, ben venga primavera.
Il nuovo amore getti via l’antico, nell’ ombra della sera, nell’ ombra della sera.
Ben venga Maggio, ben venga la rosa, che è dei poeti il fiore,
mentre la canto, con la mia chitarra, brindo a Cenne e a Folgore, brindo a Cenne e a Folgore.

  • Gaffe paurosa… o piuttosto lapsus freudiano?;
  • la Montedison obbligata a bonificare la discarica di Bussi entro 30 giorni;
  • il nuovo business della camorra sono i farmaci anticancro;
  • la Terra dei fuochi fa un’altra vittima: Roberto Mancini. Cioè, quello che dovrebbe essere un pezzo di terra perfettamente uguale a tutti gli altri uccide. Di nuovo. Ce n’è abbastanza per un film horror…
  • … a cui, purtroppo, Hans Giger non collaborerà;
  • il Napoli vince la Coppa Italia. Almeno credo, in mezzo al fumo non ho visto bene;
  • benché, come noto, il sistema sanitario libanese sia tra i migliori al mondo, la salute di Marcello Dell’Utri rimane altalenante;
  • il vero problema è il reato di tortura!;
  • assisto al mio primo intervento neurochirurgico. Una figata, diremo;
  • la Corte Suprema decide: si può pregare durante le cerimonie pubbliche. No, non la Corte Suprema della Repubblica Islamica dell’Iran;
  • approvato il decreto lavoro. Mi viene una battuta infelice sull’ultima volta che un governo di centrodestra approvò una riforma tanto criticata del mercato del lavoro, ma me la risparmio per il rispetto che provo verso i morti;
  • la Svizzera abbandona il segreto bancario;
  • in Russia blog equiparati alle testate giornalistiche. Ormai è palese: vogliono entrare nell’Unione Europea;
  • sempre Russia: vietato ai minori The Sims 4. Che mi sembra un po’ troppo, pur considerando il gioco di merda che è;
  • e niente, ce l’avevano ben detto che l’Expo era un’occasione, si sono limitati a confermarlo;
  • sciopero a La7;
  • un piccolo terremoto per chiunque conoscesse Yoani Sànchez;
  • nuovi sbarchi (e nuovi morti) nel canale di Sicilia. Tutto orchestrato per confermare questo sondaggio Pew Research;
  • a Roma, ancora manifestazioni dei movimenti per la casa;
  • si fa conoscere nel mondo Boko Haram, dimostrando che il fondamentalismo serve solo alle star in cerca di pubblicità;
  • morti in miniera in Turchia e Mozambico;
  • scandali in Ubi Banca e Carige;
  • raggiunto accordo Electrolux, sindacati soddisfatti: scongiurata la crocifissione in sala mensa;
  • riconosciuto il “diritto all’oblio” per gli utenti Google;
  • ehi, Starling, dalle mie parti si dice: chi troppe pale zompa, une ce finisce ‘n cule (trad.: chi saltella tra troppi pali, finirà per riceverne uno in vaso indebito);
  • la Camera approva l’arresto di Francantonio Genovese;
  • finalmente l’omicidio di Mauro Rostagno ha dei colpevoli;
  • “Non li vogliamo! A meno che…“;
  • alluvione in Bosnia e Croazia;
  • compie quarant’anni questo mese: il Cubo di Rubik. Che continua ad essere un mistero meno fitto della bomba di Piazza Della Loggia;
  • Conchita Wurst vince l’Eurofestival;
  • viene pubblicato Xscape, secondo album postumo di Michael Jackson;
  • vinciamo noi!, disse il classismo;
  • attentato nello Xinjiang, in Cina;
  • il dottor Manhattan sarà padre: per quel che mi riguarda, è la notizia del mese. E qui trovate il perché;
  • colpi di Stato in Libia e Thailandia;
  • Antonio Iovine diventa collaboratore di giustizia;
  • un uomo a Torvajanica aggredisce quattro persone con una mazza da baseball, al grido di: “Io odio i politici!”;
  • mentre Francesco va in Terra Santa ad offrire a chiunque voglia (purché dotato di adeguata copertura televisiva) la sua casa per discutere, qualche burlone, chiaramente a sua insaputa, scomunica due persone;
  • attentato al Museo Ebraico di Bruxelles;
  • si ritira il subcomandante Marcos;
  • un temporale improvviso fa saltare la mia connessione ad Internet: e proprio quando ero pronto a conquistare la Rete, accidenti!

Allegato 1: un mese in pretura

Allegato 2: TAV

Nella stessa giornata (con tempismo sorprendente e, per una volta, benvenuto) accade che:

  1. la Cassazione decida che quei quattro ragazzi macchiattisi dell’orribile delitto di aver danneggiato un compressore ecco, insomma, non sono terroristi;
  2. venga deciso che, benché sia pratica invalsa (cioè, tipo. Ed anche), inventarsi accuse contro i NO TAV non è pratica meritoria.

Indubbiamente, sì, una bella giornata.

Pochi giorni dopo, tuttavia, i giudici decidono di non sopportare l’affetto del popolo della valle, condannando a quattro mesi un uomo colpevole di aver dato ad un altro della “pecorella”. Cicciolina ha dato un colpo di telefono ai suoi legali: pare voglia mandare in galera buona parte di quanti negli anni Ottanta – primi Novanta erano adolescenti.

Allegato 3: Elezioni

Che, benché non sia piacevole, tocca parlarne, visto che dovrebbero essere l’evento del mese (cioè, dopo la paternità del dottor Manhattan, ovviamente). Cominciamo dalla fine: hanno vinto i cattivi. Tipo ovunque. Forse perché, ecco, candidati c’erano solo loro.

In Italia, ovviamente, come sempre lo spettacolo è stato dato più dalla campagna elettorale che dal voto in sé, e da quanto l’ha seguito (anche se, innovatore come al solito, Beppe Grillo ha tentato di invertire anche questa tendenza). Quindi, è stata soprattutto questa, ad offrire eventi da ricordare. In particolare (oltre al breve momento di fama locale vissuta all’arrivo in loco di Luigi Di Maio):

Inutile dire che l’ultimo punto si è dimostrato vincente.

Advertisements

4 thoughts on “2014: A year in review (Maggio)

  1. per come hai reso questo mese, un plauso.
    del tuo primo intervento di neuro aspetto il post.
    e chi troppe pale zompa, une ce finisce ‘n cule deve deve deve diventare il proverbio del millennio.
    (adesso però sono curioso di saperne la provenienza)

    • Sarebbe bello ma, come dice uno dei miei tag, questo blog non è un diario :-). Se non riesco a metterla in una forma “narrativa”, asettica, non racconto brani della mia vita (perché credo non vi interessi, eh, mica per altro). E qui sono troppo coinvolto per riuscirci.

      Perché il plauso?

      Provincia di Frosinone, verso sud est:-).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s