Del peggio del nostro peggio – Giugno (Uno dei futuri possibili)

philipdick

Un terremoto ha colpito una vasta area compresa tra la Grecia e la Turchia. Il sindaco di Ankara ha espresso le sue perplessità in merito: “Questo potrebbe essere un terremoto artificiale“. Bisogna capirlo: una magnitudo di 6.2, e nemmeno qualcuno che rideva. Non può essere naturale.

(Ebbene sì, questo mese niente introduzione in corsivo. Presto detto il motivo di questa scelta: anche una frustata fa più male, quando arriva imprevista. Bisogna però ammettere che, se seguite questa rubrica, significa che a voi di sicuro non fanno male, le frustate

L’immagine in evidenza è quella di Philip Dick, che di futuri possibili se ne intendeva e che volle farci un favore non descrivendo questo).

Un tremendo sisma, di magnitudo 6.9, ha colpito anche il Guatemala. Nessun italiano tra le vittime: un moderato sisma, di magnitudo 1.6, ha colpito anche il Guatemala.

Giugno, ovviamente, è stato dominato dalla campagna elettorale e quindi dalle elezioni amministrative. Le alleanze sono state così controverse e complicate che mi sembra di aver sentito che in certi comuni Gesù ha appoggiato Barabba.

Durante la campagna elettorale, non sono mancati gli scivoloni dei candidati. A Canosa, Antonella Di Nunno, dei Cinque Stelle, ha scritto su Facebook: ma quanto fanno schifo i negri? Il Movimento Cinque Stelle ha dichiarato che tali affermazioni “non rappresentano in alcun modo i valori ampiamente condivisi dalla stessa lista e dal Movimento”. Nel Movimento non sono razzisti, e la Di Nunno avrebbe dovuto scrivere: ma quanto fanno schifo i negri, gli arabi, i cinesi, i vietnamiti…

I leader di quasi tutti gli schieramenti hanno commentato con soddisfazione i risultati delle amministrative. Gli unici ad essere stati onesti, in questo senso, sono secondo me i rappresentanti del Partito dei pensionati. Ma ricordiamo che il loro obiettivo era arrivare alle elezioni con tutti i candidati ancora in vita.

Quel che è certo è che si è avuto un deciso passo avanti di Forza Italia, che ha spinto Silvio Berlusconi ad affermare: sono tornato e si vede. O forse quella era la campagna di lancio del nuovo libro di Stephen King.

Berlusconi ha detto anche la sua su Beppe Grillo: “Era un comico formidabile, ma voleva i soldi in nero“. Quindi lo perdoni?

Certo che, diciamocelo, non è stato molto elegante rivelare così che il leader di uno dei principali partiti avversi non voleva pagare le tasse. Come se non gli avessi fatto già abbastanza pubblicità, Silvio!

E nonostante ciò, il Movimento 5 Stelle è andato piuttosto male alle amministrative. “Tranquillo, fa così anche con me”, le parole di Matteo Renzi per cercare di consolare Grillo.

Anzi, i risultati per il Movimento Cinque Stelle sono stati così deludenti che la Raggi si è affrettata a dire stop all’arrivo di migranti a Roma. Non vuole che Grillo vada a chiedere asilo.

C’è stata poi una grossa affermazione per le destre estreme. Sì, anche contando i molti comuni in cui il Movimento Cinque Stelle ha perso.

I neofascisti sono raggianti: in certi comuni hanno raggiunto il 10% dei voti e, se tutto va bene, riusciranno anche a liberarsi di Nina Moric.

Certo, a me questa non pare una mossa molto furba: la Moric ha lavorato con Panariello. Dentro CasaPound è quella che ha più credibilità.

Il presidente di CasaPound, comunque, galvanizzato dai risultati delle amministrative, ha dichiarato: “Schiaffi e botte quando saremo in Parlamento“. Ma guarda che se ci tieni tanto gli schiaffi e le botte te li diamo anche senza che tu vada al Parlamento, eh!

Però facciamo le cose per bene: diamoci un appuntamento da qualche parte. Tu arriva disarmato, io mi porto dietro qualche mio amico (nove o dieci, diciamo) e un ricco arsenale di mazze da baseball, tirapugni e manganelli. Non ringraziarmi: lo so quanto voi neofascisti tenete alle tradizioni.

Ma a proposito dei neofascisti: un mio amico ha voluto condividere con me questo screenshot.

 

Dolce alla merda

Fortuna che vicino al titolo non c’era la foto di un bambino, o il mio amico l’avrebbero arrestato per diffusione di materiale pedopornografico.

Lo screenshot, tuttavia, non riguarda una vera notizia, ma è un falso creato dall’autore satirico Luca Bottura (che si riferisce a questa notizia). Peccato: un’intossicazione di neofascisti causata dalla merda. La controprova definitiva sull’omeopatia: il simile non cura il simile. Anzi.

Ancora una volta, invece, non è riuscita a trovare il modo di sfondare la sinistra. La soluzione la indica il Fatto Quotidiano, che rivela come una lista unita di sinistra, con leader Roberto Saviano, arriverebbe al 16% dei voti. Ed ancora non sono usciti i dati sulla lista dei Fantastici Quattro con a capo l’Uomo Ragno!

Ma ora basta parlare di politica: Angelino Alfano…

Angelino Alfano ha voluto dire la sua sulla legge elettorale: “Accettiamo la sfida del 5%“. Nessuno ha ancora avuto il coraggio di dirgli che la sfida è superare il 5%.

Donald Trump rifiuta gli accordi sul clima di Parigi. Particolarmente invise al presidente americano le sanzioni economiche sulle emissioni nocive: “Quindi, ogni volta che parlo devo pagare una multa?”.

 

 

Una bella mappa multimediale di explorables.cmucreatelab.org dimostra come i flussi migratori, negli ultimi diciassette anni, non abbiano affatto interessato l’Italia più che gli altri paesi dell’Europa e del mondo. Uno sforzo apprezzabile, ma vano: mi immagino già le reazioni su Facebook, ad un simile contenuto. Uno dei primi commenti sarebbe senza dubbio: “Non ci fregate. Dov’è Atlantide in quella mappa???????”.

Giacché parliamo di commenti su Facebook: avete letto quelli che hanno accompagnato le foto della parata del 2 giugno? Sotto una foto delle massime cariche dello stato, qualcuno si chiedeva: “Isis, dove sei?”. Sta aspettando che tu ti converta all’Islam, probabilmente.

E, per continuare sul tema: Mario Adinolfi di nuovo sospeso da Facebook, per un post sull’omosessualità di maggio scorso. Ogni volta che guardo Adinolfi mi chiedo: ma anche dando per buona la sua teoria sulla conquista del mondo da parte degli omosessuali… perché si spaventa tanto? Crede di avere qualcosa da temere? È come se io temessi l’instaurarsi di una società dominata da donne bellissime assetate di sesso!

La replica del leader del Popolo della famiglia contro il social network è comunque stata dura: “Il precedente è gravissimo e mina qualsiasi credibilità di questa piattaforma“. Hai ragione, Mario: ma che dovevano fare, impedirti di aprire un profilo?

Una nuova ragione per indignarsi, tra l’altro, è stata fornita agli omofobi dalla Rai, che ha deciso di trasmettere la scena di un brevissimo bacio saffico tra Sailor Moon e Sailor Uranus, nella nuova serie dedicata all’eroina della Luna, Sailor Moon Crystal. Prima di giudicare i molti commenti schifosi che potreste aver letto su questa decisione, riflettete sul fatto che molti di loro sono stati scritti con una sola mano.

E comunque, se dovete proprio prendervela con Sailor Moon, prendetevela con la versione originale, quella degli anni Novanta, pesantemente censurata dalla Mediaset fin dalla prima messa in onda. Io l’ho seguita, ed oggi scrivo Del peggio del nostro peggio.

Ad Aulla, in Toscana, esplode uno scandalo sulla locale caserma dei carabinieri: i militari, infatti, si sarebbero resi protagonisti di minacce, pestaggi, vendette private, rapporti sessuali in cambio di annullamenti di contravvenzioni. L’arma non sa proprio più cosa fare, per convincerti ad arruolarti.

Ma credo che neanche la promessa di tanti benefit funzionerà, contro la prospettiva di ricevere la solidarietà di Gasparri.

Gli USA negano il visto d’entrata nel loro paese ad un importante oncologo europeo, che doveva partecipare ai lavori del Congresso della Società americana di oncologia clinica, a causa della sua partecipazione, in passato, ad un convegno a Teheran, in Iran. Gli americani gli hanno permesso di entrare nel paese solo quando l’oncologo ha giurato sulla Bibbia di credere nel creazionismo.

Salvini boicotterà la Feltrinelli. Ed io che ero convinto che avesse cominciato a boicottarla anni fa!

Polemiche anche sul Coisp, il sindacato dei poliziotti, che all’indomani dell’attentato di Londra ha twittato:

dire “non tutti i musulmani son terroristi” è come liberare 10 leoni in città e dire: “Tranquilli, solo 4 sbranano. Gli altri son innocui…”

O come riempire Genova di poliziotti e dire: tranquilli, solo uno sparerà ad un manifestante.

Advertisements

15 thoughts on “Del peggio del nostro peggio – Giugno (Uno dei futuri possibili)

  1. Potrei intortarti la risposta ma ho solo scorso qua e là l’articolo un po’ per la lunghezza un po’ per la camera è molto per quel senso di nausea che mi prende alle notizie politiche.

    La Chiusa con il riferimento al G8 di Genova poi è stata una morsa anche perché mio figlio e mio nipote erano andati e per fortuna sono stati tanto pronti da capire che non era il caso restare.

    Sheragraziefellattenzione😁

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s