La peste

Le mie colleghe (brave ragazze) mi hanno regalato per Natale “Lo straniero” di Albert Camus. Non ho molto da dirne: l’ho finito in due giorni (non solo per la sua brevità) e Camus mi ha fatto ricordare che, novantanove volte su cento, bello significa semplice.

Continue reading

Advertisements

Problemi ed opportunità

Ha generato qualche rumore e parecchia sensazione, pare, l’intervista che Alessandro Di Battista ha concesso a Diego “Zoro” Bianchi per Propaganda Live (la trovate qui, inizia intorno a -2.04.00: scusate, non ho trovato da nessuna parte la sola intervista “ritagliata” dal resto della puntata). E no, non parlo solo di Angelino Alfano e del suo (sparuto) gruppo di sostenitori, che hanno minacciato di querelare Zoro e Di Battista ancora prima che andasse in onda. Che Alfano ormai minaccia querele con la stessa frequenza con cui Berlusconi, ai bei tempi, minacciava la discesa dei cosacchi bolscevichi dalle steppe dell’Oriente e lo sterminio dei primogeniti. Segnatamente, dei primogeniti ancora in età neonatale, che di quei cosacchi sarebbero dovuti divenire il fiero pasto.

Parlo anche, e soprattutto, della mia amica Anita, che quell’intervista mi ha addirittura consigliato di vederla. Continue reading

Lasciate stare il sociale

Ad aprile dello scorso anno, scrivendo subito dopo l’ignorato referendum sulle trivelle, esprimevo la mia comprensione per chi, come Alessandro, che allora era il mio coinquilino e che aveva appena compiuto diciotto anni, si sarebbe dovuto portare dietro per tutta la vita questo pessimo ricordo della sua “prima volta” elettorale; riconoscevo anche, tuttavia, che c’era chi stava peggio: quando io e quella banda di giovani idealisti e sognatori che erano i miei amici di allora siamo andati a votare per la prima volta, il 13 aprile del 2008, Berlusconi e la Lega, in due, si presero quasi il 50% dei voti, e qualunque cosa avesse ancora in se (nella denominazione, se non nell’ideologia) una parvenza di sinistra venne brutalmente buttata fuori dal parlamento (iniziò quel giorno, credo, la lenta epurazione dal discorso politico di qualunque approccio “da sinistra”).

Continue reading

Piccoli piccoli

C’è solo una cosa peggiore della violenza dei bruti, ed è la violenza dei vigliacchi

è una frase che mi piace, nonostante ne sia venuto a conoscenza grazie a Roberto Benigni, al minimo complice, negli ultimi anni, delle peggiori nefandezze (ivi compresa “La vita è bella”, ovviamente). Il motivo è semplice: quella frase è vera. Mi capita dunque di usarla spesso, e l’ho fatto anche su queste pagine (qui, ad esempio).

Continue reading

Il vero volto

“Blob” è, a mio giudizio, una delle trasmissioni più schiette e allegramente anarchiche della televisione italiana: oggi inizierà forse a mostrare segni di stanchezza, ma, nei ventotto anni ed una settimana che sono trascorsi da che vive, i suoi autori non l’hanno mai mandata a dire a nessuno, non si sono fermati di fronte a nessun tabù (ed a nessun totem), non hanno, almeno a mia memoria, mai peccato di disonestà, come invece sembra fare, abitualmente e senza dare la minima impressione di vergognarsi, uno dei competitor più agguerriti per il controllo di quella fascia oraria; quello, per essere precisi, che va in onda sulla rete ammiraglia di casa Mediaset.

Continue reading