Monologo

Quando me l’ha diagnosticato, dal mio dottore mi sono fatto spiegare che cosa dovevo aspettarmi dal morbo di Parkinson. “Non si preoccupi”, mi ha detto.

Sono abbastanza certo che il suo sia stato un riflesso, che usava le stesse parole con chiunque gli chiedesse una spiegazione, diciamo così, professionale, e che, probabilmente, avrebbe detto lo stesso anche se io avessi avuto una meningite fulminante, che dal nome non mi sembra affatto un bel cliente.

Ad ogni modo, devo riconoscere che aveva ragione: infatti, lui è morto prima di me, per una rottura di aneurisma. Aneurisma dell’aorta addominale, se non sbaglio.

Continue reading

Advertisements

Un solo caso per don Osvaldo Avilés (per ora) – EpisodioQ 1 di 2

“Mi faccia indovinare” disse Osvaldo Avilés “lei viene dai Burgos, non è vero?”.

“Sì” rispose il nuovo arrivato, speranzoso “suppongo l’abbia dedotto osservando il particolare tipo di fango presente sui miei stiv…”.

“In realtà perché, signor Lengère, c’è la sua foto” (corredata da un ampio profilo biografico, pensò a margine) “su tutti i principali giornali nazionali” rispose Avilés, porgendogliene uno in cui era definito “futuro erede della più grande proprietà fondiaria del Sud Est”.

Continue reading

Alcuni dischi per il mercoledì

Un fantasma si aggira per “Blood on the tracks“, e rimane ben riconoscibile benché Bob Dylan e la sua tagliente ironia mettano in gioco ogni artificio per convincerci che le sue apparizioni appartengano a trapassati distinti. Quel fantasma è Joan Baez, che era ancora viva quando Dylan scrisse quel disco, e lo è ancora oggi.

Continue reading