Dietro le quinte (Magia al popolo!)

(Articolo aggiornato dopo la pubblicazione iniziale su consiglio di Mariano Tomatis)

L’anziano cartomante, che dimostrava almeno centocinquant’anni, gli mostrò la mano: era vuota, il ragazzo non ne aveva dubbi. La sollevò, poi la riabbassò con un colpo secco: tra le sue mani comparvero alcune carte, che gettò sul tavolo coperto da una tovaglia viola. Il ragazzo lo guardò allibito, mentre ripeteva il miracolo più e più volte, fino a che non ebbe messo insieme un intero mazzo di circa una trentina di carte, che mescolò con un’agilità che pareva impossibile alle sue mani artritiche.

Continue reading