Jumanji – Lunedì film (anche se oggi è giovedì. Diciamo che è un posticipo)

Chi mi segue da qualche tempo saprà di per certo che adoro il dottor Manhattan, l’alter ego digitale di Alessandro Apreda, il quale vive ed opera a questo indirizzo qui. Lo linko per permettervi di raggiungerlo più facilmente, ma sono sicuro che molti di voi questo sito lo conosceranno già: che il Dottore tiene uno dei blog più letti in Italia e, forse, più che di Big Bang Theory e delle magliette con le cose spiritose scritte sopra (che nessuno capisce, men che meno chi le porta), è colpa sua se oggi nessuna bacheca Facebook di ogni cittadino di questa nazione può dirsi completa senza un post che cominci con le parole “Dato che sono un nerd…”.

Continue reading

Advertisements

Dududu

Settembre non è stato solo il mese delle giornate di lavoro così lunghe che mi pareva di essere tornato ai tempi (appena più avanzati di quelli in cui l’età media dei lavoratori delle miniere della Scozia era pari a otto anni e due mesi) in cui perseguitavo le vostre esistenze con Neurosurgery Kid; e no, non è stato nemmeno il mese in cui ho messo in atto un nuovo artificio, tanto diabolico quanto stucchevole, onde introdurvi in un altro episodio di Del peggio del nostro peggio, come ho fatto ad agosto. Episodio che, per altro, giungerebbe non richiesto, in quanto prematuro (e sì che tutte le puntate di quella rubrica nascono di sei mesi e mezzo e con tre giri di cordone ombelicale intorno al collo).

No, settembre (o, almeno, quella parte che ne abbiamo vissuta finora) è stato, almeno ai miei occhi, il mese delle donne.

Continue reading

Un solo caso per don Osvaldo Avilés (per ora) – EpisodioQ 1 di 2

“Mi faccia indovinare” disse Osvaldo Avilés “lei viene dai Burgos, non è vero?”.

“Sì” rispose il nuovo arrivato, speranzoso “suppongo l’abbia dedotto osservando il particolare tipo di fango presente sui miei stiv…”.

“In realtà perché, signor Lengère, c’è la sua foto” (corredata da un ampio profilo biografico, pensò a margine) “su tutti i principali giornali nazionali” rispose Avilés, porgendogliene uno in cui era definito “futuro erede della più grande proprietà fondiaria del Sud Est”.

Continue reading